Le Silicon Valley startup nel Web3 – Lead The Future

Nell’articolo di oggi “Lead The Future” ci porta nella Silicon Valley presentandoci alcuni giovani imprenditori e le loro startup e progetti di crescita.

Innovation desk: Sebastiano Caruso a Silicon Valley

Sebastiano è il responsabile dell’Innovation desk dell’Agenzia italiana per il commercio, un’agenzia governativa che aiuta in generale le grandi aziende a commerciare a livello internazionale.

Questa agenzia governativa aiuta anche le startup ad avvicinarsi al mercato internazionale, in particolare dalla California, aiutando le startup a raggiungere il mercato statunitense e a lavorare direttamente sul mercato americano.

L’innovation desk si occupa di organizzare la logistica e di fare in modo che le giovani startup italiane possano partecipare alle più importanti fiere dell’innovazione come il CES di Las Vegas, il BIO di San Diego e la conferenza JP Morgan Healthcare di San Francisco, solo per citarne alcune. Lo fanno creando un padiglione tutto italiano e permettendo alle startup di esporre. 

Un altro importante ruolo e servizio fornito da questa Agenzia è il programma di setup globale, un programma totalmente finanziato dal governo italiano che permette alle startup di trascorrere otto settimane in un programma di accelerazione in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti, 

Da notare che l’Agenzia opera anche sul fronte inverso (servizi di incoming) invitando investitori e acceleratori statunitensi a partecipare a eventi in Italia. 

Tra i risultati già raggiunti possiamo citare l’aver portato una delegazione di VC corporate Adventure capitals e acceleratori alla fiera “make it” di Roma, al “smell” di Milano e al “be at” di Salerno. Facendo cosi’ in modo che possano incontrare le startup e l’ecosistema italiano. Il tutto facendo anche servizi on-demand attraverso ricerche di mercato, di partner e di investitori.

Questi i tre asset che il governo mette a disposizione delle startup: 

  1. Servizi allo Sportello Innovazione.
  2. Investimento in danaro, perché anche attraverso CDP Ventures il governo investe nelle startup italiane.
  3. L’ultimo asset da citare è il vero e proprio “Innovation Center”, una struttura nel distretto finanziario di San Francisco, pensata per le startup, con spazi di co-working per le startup italiane e uffici privati, e uno spazio per eventi in cui si svolgeranno le gare di innovazione italiana, le pitching competition e, in generale, tutto ciò che può aiutare le startup a presentare la propria offerta a investitori, potenziali clienti, giornalisti e talenti. 

Lasciare un’azienda familiare e ripartire da zero di Giacomo Pellegrino

Dopo aver gestito per molti anni un’azienda di famiglia in Italia, Regno Unito e India, Giacomo ha deciso di provare qualcosa di nuovo e di abbandonare la zona di comfort per tornare alle origini. Ha fatto domanda di ammissione a Stanford e si è trasferito negli Stati Uniti, dove ora sta portando avanti la sua carriera di studi e di produzione musicale.

Business tecnologico, marketplace ed e-commerce di Tommaso Tosi

La storia di Tommaso è iniziata nei primi tempi, quando era ancora alle scuole medie superiori. Era coinvolto in qualsiasi tipo di attività legata a Internet, come marketplace, e-commerce, marketing di affiliazione, canali YouTube, Vlog e presto anche altro. Era attratto da questo settore e dalla sperimentazione di molte cose diverse. 

Nonostante fosse molto attivo in questo campo, Tommaso sentiva di voler conoscere e sperimentare altri ambienti e ha iniziato a essere coinvolto in startup e a lavorare in remoto, lavorando e vivendo in luoghi diversi. Dopo essersi trasferito da Milano a Londra e Singapore, ha visitato San Francisco e ha capito subito che era il posto giusto per lui. 

Tommaso è arrivato nella Silicon Valley in un momento molto particolare, quando molte VCS stavano raccogliendo fondi e concentrando i loro sforzi su crypto e web3. Così ha iniziato a conoscere la tecnologia blockchain, ethereum e web3 in generale, aiutando poi le startup a risolvere i loro problemi più comuni (assunzione di sviluppatori web3 esperti). L’obiettivo è quello di aiutare queste categorie di lavoratori tecnologici costruendo sistemi di notifica, reti network, marketplace e questo genere di cose.

In conclusione

Si tratta di un ottimo esempio e di un’ispirazione per chi vuole fare un salto nella Silicon Valley, magari nella Silicon Valley City. Non è necessario essere sempre sponsorizzati da un grande nome della tecnologia, come hanno dimostrato gli ospiti di oggi. 

Si può anche andare a tentare la fortuna da soli, e se si ha passione per ciò che si fa e si persevera, i risultati non vi deluderanno.

Views:
63
Article Tags:
·
Article Categories:
Business

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *