Tagliare la pubblicità a causa di difficoltà economiche è l’errore più grande tu possa fare

Uno degli errori più grandi che le aziende (che siano di piccole, medie o grandi dimensioni) possono commettere in questo periodo di crisi, è quello di tagliare il budget destinato alla pubblicità. Un imprenditore inesperto potrebbe infatti pensare di rinunciare alle spese per la promozione dei prodotti, perché a prima vista non rappresenta una spesa strettamente legata al funzionamento del ciclo produttivo, ma ad un fattore aggiuntivo, opzionale.

Niente di più sbagliato. Sono ormai numerosi gli studi che dimostrano inconfutabilmente come le aziende che continuino ad investire siano quelle che meglio riescono a far fronte al periodo di crisi (l’associazione italiana pubblicitaria ha diffuso diversi articoli molto interessanti a riguardo).

Ma quali sono le migliori strategie per continuare con le azioni promozionali senza veder per questo drasticamente ridottoil proprio budget di spesa?Fortunatamente al giorno d’oggi esistono diverse forme di pubblicità, alcune delle quali molto efficaci, che permettono alle aziende di mantenere un’ottima visibilità sul mercato a fronte di spese molto contenute. L’importante è scegliere la forma pubblicitaria più adatta alle proprie esigenze, discostandosi dall’idea di pubblicità più tradizionale e classica (spot tv, inserzioni su riviste, ecc) che, soprattutto in tempi recenti, è molto dispendiosa e raramente fornisce un ritorno nel breve termine del capitale investito.

Meglio indirizzarsi verso un ben più efficiente ed economico volantinaggio, se vogliamo parlare di marketing nella realtà: le tipografie online permettono la stampa di materiale pubblicitario a prezzi irrisori, senza dover per questo rinunciare alla qualità.

Nel digitale invece, invece di puntare a spot di alta fascia come TV, annunci su media, si possono investire capitali ridotti su mezzi di sponsorizzazione con un costo più basso come le campagne YouTube Ads o le campagne Native e Push.

Diventa inoltre fondamentale targetizzare a chi si mostra la pubblicità, per renderla più effettiva in termini di rientro economico oltre che per essere “costretti” a spendere di meno, essendo la portata potenziale ridotta. Insomma, due benefici in uno quando l’obbiettivo è continuare a fare pubblicità con budget ridotto.

Il marketing di oggi deve inoltre rivolgersi verso modelli promozionali più snelli ed innovativi: ad esempio la pubblicità su blog, siti e app tramite Goole Ads è un ottimo sistema per raggiungere una vasta fetta di mercato già “targetizzata” in base al proprio settore di vendita.

Anche i social media possono fornire una grande visibilità e permettono di raggiungere l’utenza già potenzialmente interessata ai nostri prodotti/servizi. Facebook, YouTube e Pintetest sono le piattaforme a mio parere migliori considerano il costo.

Views:
619
Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
Marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *